ROCCO Di CARRO

MATERIALE: Legno e ferro
DIMENSIONI: 36 centimetri
PROVENIENZA: Paterno (Fi)
DATAZIONE: XIX-XX secolo
PROPRIETARIO: ISCUM

Si tratta di un cilindro in legno, con sporgenze alle estremità in funzione di asse di rotazione. Le estremità del cilindro sono rinforzate da due anelli in ferro saldati per battitura. Uno di questi ha 7 fori. Lungo il cilindro vi sono due fori passanti posti a 90 gradi nei quali veniva introdotto un bastone che serviva per far ruotare il rocco agendo da leva e mettere in tensione la corda che era fissata ad una spina posta al centro del cilindro. Nei fori dell’anello laterale entrava una piccola leva che impediva la rotazione inversa del cilindro attorno al quale si avvolgeva la corda. Faceva parte del sistema di rizzaggio del carico di un carro a quattro ruote, date le sue dimensioni ridotte, come si può vedere in varie rappresentazioni. I carri a due ruote, tipo i tombarelli, avevano un rocco più lungo perchè fissato su due assi esterne del carro, mentre quelli a quattro ruote avevano una struttura apposita sotto il pianale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *